01/03/2009

La Bhagavad Gita non vi suggerisce di cogliere una foglia, un fiore o un frutto da qualche pianta e metterlo davanti a Dio n vi chiede di portare acqua da un pozzo, un fiume o una fontanella sulla strada. La foglia che dovete offrire il vostro stesso corpo che, come la foglia, germoglia verde, declina ed infine cade dal ramo. Il fiore il cuore liberato dai parassiti della lussuria, della rabbia, dell'avidit, dell'attaccamento, dell'orgoglio, dell'odio ecc. Il frutto la mente, la successione dei suoi desideri, che deve essere dedicata a Dio. L'acqua il ruscello di lagrime che sgorga dagli occhi quando si in beatitudine estatica nella contemplazione della Sua gloria. L'offerta di queste quattro il vero atto di affidamento totale (Sharanagathi).

Sai Baba